fbpx

Vi siete mai chiesti cosa c’è nel vostro cosmetico preferito e cosa fa nello specifico quell’ingrediente?!

Ogni mercoledì parleremo di un principio attivo o di un ingrediente cosmetico nella rubrica “A Cosa Serve?” e scopriremo insieme quante meraviglie ci offre la natura.

Protagonista di oggi è la MENTA

La menta (Mentha Spicata L.) è una pianta aromatica perenne e resistente che può raggiungere un metro di altezza. Una leggenda racconta che prende il suo nome dalla ninfa Minthe o Myntha di cui Ade, il re degli inferi, si era innamorato e che Persefone (moglie di Ade) la trasformò nella omonima pianta perché accecata dalla gelosia.

Composta da acqua e fibre la menta è anche ricca di vitamine A, B, C, D e di importanti minerali come calcio, fosforo, potassio, magnesio e manganese che la rendono particolarmente ricca di proprietà benefiche ed utilizzatissima sia in cucina che in cosmesi.

La menta ha un’azione rinfrescante, purificante e tonificante motivo per cui viene utilizzata in tantissimi cosmetici che contrastano gli inestetismi e la formazione di impurità e anche in ambito di igiene orale considerata la sua capacità di disinfettare e rinfrescare il cavo orale.

Ma veniamo alla parte che più amate di questo blog.

MENTA E RIMEDI CASALINGHI

  • Facciamo bollire qualche foglia di menta e poi utilizziamo l’acqua come tonico astringente per due/tre giorni conservandola in frigo
  • Prepariamo una maschera purificante per il viso con 3 cucchiai di yogurt, 2 cucchiai di maizena e qualche foglia di menta frullata insieme a un quarto di cetriolo. Lasciamo in posa 20 minuti e risciacquiamo. In estate questa maschera regala una sensazione di freschezza indimenticabile
  • Per un bagno o un pediluvio defaticante aggiungendo direttamente in vasca una manciata di foglie di menta
  • Facendo sempre bollire qualche foglia possiamo utilizzare l’acqua (che abbiamo fatto raffreddare!!!) come ultimo risciacquo dopo lo shampoo per capelli grassi e che cadono
  • La stessa acqua la possiamo usare per preparare l’henné o impacchi rinforzanti con erbe come amla o cassia e smorzare l’odore caratteristico di queste