fbpx

Questo è l’ultimo appuntamento con la rubrica “A Cosa Serve?” prima della pausa estiva. Abbiamo visto insieme tantissimi ingredienti cosmetici per lo più di origine vegetale ma non ci siamo mai fatti una domanda fondamentale.

Cos’è un cosmetico? A cosa serve il cosmetico?

Quindi protagonista della rubrica di oggi è il COSMETICO.

Il termine cosmetico deriva dal greco cosméo che significa adornare ed infatti nell’antichità le popolazioni utilizzavano derivati animali o vegetali per esaltare alcune parti del corpo. Nel corso dei secoli ovviamente il concetto di cosmetico si è decisamente ampliato e nel 1897 il fisiologo, patologo e igienista Paolo Mantegazza scrisse nell’ “Almanacco igienico popolare” la sua definizione di cosmetico.

Chiamasi cosmetico ogni sostanza che serve ad abbellire od a coltivare in un modo qualunque la pelle, i capelli ed i peli. I cosmetici possono dividersi in odoranti, coloranti, untuosi, saponosi, depilatorii, polverosi e agglutinanti. In Italia suol darsi più specialmente il nome di cosmetici ad alcuni bastoni fatti di cera ed altre sostanze grasse, diversamente tinte o profumate e che servono ora a fissare i capelli, ora ad appuntare i baffi ed ora a nascondere la canizie.”

Oggi, per sapere esattamente cosa sono i prodotti cosmetici, bisogna fare riferimento alla legge 713/86 la quale li definisce come le sostanze, le preparazioni, diverse dai medicinali, destinate ad essere applicate sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo esclusivo o prevalente di pulirli, profumarli, modificarne l’aspetto, correggere gli odori corporei, proteggerli o mantenerli in buono stato.

Ora che conoscete la definizione di cosmetico sapreste dirmi quanti ne utilizzate al giorno? Fermatevi un attimo e provate a ripercorrere tutti gli step della giornata:

  1. Detersione viso
  2. Detersione corpo/ parti intime/ ascelle
  3. Crema idratante
  4. Contorno occhi e sieri (per i più precisi)
  5. Lavaggio denti
  6. Utilizzo di deodorante e profumo
  7. Make Up

Contandoli tutti credo che ognuno di noi ne utilizzi almeno 6 o 7. Bisogna però chiarire una cosa, nessun cosmetico può essere curativo; non può infatti intervenire in una malattia ma può sicuramente proteggere e mantenere in un buono stato le parti su cui viene applicato.

E qua dobbiamo sfatare un mito. Avete mai sentito parlare di cosmeceutico? Dovrebbe essere un prodotto a metà tra il cosmetico e il farmaco con una formulazione tale da garantire un’efficacia più elevata rispetto a quella del cosmetico tradizionale.

NON È VERO NIENTE.

IL COSMECEUTICO NON ESISTE.

È SOLO UNA TROVATA DI MARKETING.

E questo non lo dico io ma il Regolamento Cosmetico Europeo che non prevede l’esistenza di un prodotto a metà strada tra il farmaco e il cosmetico. Non era mia intenzione smontare i sogni di gloria di chi ha pagato fior fior di soldi per un prodotto definito cosmeceutico ma essere un consumatore consapevole è veramente difficile e in questa giungla di claim, spot e frasi ad effetto chiunque non sia del mestiere può finire intrappolato.

Quindi cosa fa il cosmetico? E perché è importante utilizzarlo? Per mantenere in buono stato la nostra pelle e per proteggerla dalle aggressioni esterne a cui la sottoponiamo quotidianamente come smog, fumo, freddo, caldo, sole e prodotti non adatti.

Ora che qualche nozione la avete e che siete consapevoli del fatto che nessun cosmetico possa far miracoli, scegliete con cura a chi affidarvi e tutto diventerà più facile!

La rubrica va in vacanza ma torna a settembre con tante informazioni nuove!